Figlia di tori italianiBovina di PRI - figlia di tori italiani

Da quando si parla di selezione dei bovini la valutazione morfologica ha riscoperto un ruolo primario, essendo strumento selettivo dal quale non si può prescindere.

Inizialmente lo scopo era quello di classificare gli animali secondo la loro redditività: non essendo disponibili controlli funzionali, si stabiliva la potenzialità produttiva di una bovina attraverso un punteggio morfologico.  Oggi, nonostante la diffusione su larga scala dei controlli funzionali, la morfologia ha mantenuto la sua importanza poiché diversi tratti oggetto di rivelazione hanno un rilevante impatto su durata e qualità del lavoro necessario alla cura del bestiame e sulla sua longevità, come confermato dal peso dato alla morfologia nella definizione degli indici di selezione.                                                                                                                            La valutazione morfologica degli animali entra in gioco nelle mostre, nelle aste da riproduzione, per l’accettazione al Libro Genealogico e la selezione delle madri di toro.
Fino ai primi anni ’80 era molto diffuso un metodo di valutazione morfologica definito del “tipo ideale”; si stabiliva il punteggio di un soggetto valutando di quanto questo si discostava, per le caratteristiche di interesse, dall’animale desiderato.
Le informazioni raccolte secondo lo schema del “tipo ideale”, mal si prestavano a essere analizzate con le procedure di valutazione genetica BLUP AM, che stavano prendendo piede rapidamente. Fu in questo periodo che negli U.S.A. venne sviluppato un nuovo concetto di valutazione: “la descrizione lineare”. Lo scopo era quello di descrivere aspetti morfo-funzionali degli animali, “misurando” su scale lineari di valori crescenti, da un estremo biologico all’altro, senza esprimere un giudizio di positività o meno del carattere, le caratteristiche di interesse. Gli aspetti rilevati devono essere funzionalmente ed economicamente importanti, geneticamente trasmissibili e di facile rilevazione, attraverso l’ausilio di appositi strumenti oppure a vista. È necessario che il tratto sia definito in maniera chiara e univoca.

 

 

Documentazione Utile:
pdfMateriale didattico_Valutaz. Morfologiche NUOVO


 

 

INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza di navigazione su questo sito web, A.N.A.P.R.I. Associazione Nazionale Allevatori Pezzata Rossa Italiana utilizza diversi tipi di cookie, tra cui: cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); cookie di tipo statistico (performance cookie) che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?19265426767 sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.
Cliccando su "ACCETTA" o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell'informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Reg.to UE 2016/679